Già incattiviti…

Gli infiniti non sono ospiti graditi

per paura forse, o perché si nasce

già incattiviti.

In giardino ho trovato una piuma

lieve e inutile protezione

scartata da un becco puntuto.

E’ Il segno d’una  civetta ostinata

che  inizia un inquieto canto

nel  notturno progetto improvviso.

Vissuti senza certezze, giorni terribili

scarnificano poco per volta l’allegria.

Non c’è profondità, solo luci subitanee

nel gruppo festante e infido…