Destino

ros11152bf
Dipinta incastrata dall’estroso pittore
allineata in una prospettiva statica
mi ritrovo spalmata, assurda e compressa
come un colore strizzato in un tubetto.

In attesa di un rimescolamento liberatorio
sono quadro immobile
posso solo guardare senza aspettative.

Nessun volo solitario o in coppie di colombe
mi sfiora: esse sfidano nuvole e uragani
tubano volandosi intorno in alto
poiché l’amore eleva mentre io
ristretta nella cornice sento
solo atomi di insofferenza che si aggregano.

Alzo una mano e raschio la superficie
che si tende flessibile come un albero
ancorato a profondissime radici.

Forse un giorno
troverò l’impulso gemello e coraggioso
oh, non in terra, nelle certificate certezze
ma raccolto e connesso in un raggio anomalo
sfuggito dal grande occhio misericordioso
dell’incomprensibile Dio

che ascolta sempre o quasi
tendendo mani invisibili
che nessuno riconosce in tempo
nel tempo…
8/8/2014
https://rosannagazzaniga.blogspot.it/2018/02/destino.html#links

Annunci

Dentro

Scacchiera
Accucciata dentro una lettera
lontana da terra, dondolo
cercando appigli
anima in pena.
Un IO grande e oscuro mi avvolge
esaltazione
rifiuto
negazione.
Aurore verdi si scontrano
con cieli consueti
nuvole di dubbi.
il grano è pronto per essere mietuto
ma l’ombra del pane si allunga
verso mani che fuggono
da responsabili funi.
Un giorno me ne andrò
cadendo nel profondo
a cercare il noi
paradigma dimenticato
e piangerò sulla sua immagine
interrata…
*
«La fuga dalle complicazioni delle vita, avviene quando le risorse di sopportazione sono esaurite, ma implica quasi sempre un grosso prezzo da pagare: la solitudine… e resterà per sempre un grande senso di sconfitta…»

Confusione

Rosdisegno241017
Sotto pelle
sfrigola l’effetto del brusio di una preghiera
rosario per il nemico.
– Chi piange sulla morte dei nemici?
– Chi è il nemico?
L’anima legge fra le righe della vita e si turba
nessun sorriso, solo lacrime sulla pena.
Brillano al gelo le tenebre
al buio un rimestare di mille stelle:
si sono impigliate nel ghiaccio
le riflette,
lontane luci inafferrabili.
L’amore dentro una grotta oscura
nasce
muore e poi rinasce.
C’è confusione fra maestri, motivazioni
e lezioni imparate.
la vita fluisce lieve e chiara
solo sugli uomini liberi dall’odio…
*
12/1/2014 «A volte accadono eventi che ci fanno riflettere sull’inutilità del rancore verso chi ci voleva condizionare e dominare… la morte appiattisce tutto ma nella sua negazione anche una parte del nostro essere scompare inquietandoci.»

Esalazioni dimezzate

esalazioni muralesMurales di autore sconosciuto sett.2015

Al male inguaribile sgomenta la dolcezza
la vitalità animale.
Lascio il dolore insopportabile a terra
come nebbia esala sul mio corpo
che immobile respira piano
mentre in alto le stelle ammiccano col loro fuoco.

Esco fuori dal corpo senza rumore
E mi amo. E amo. Potrei farlo senza ostacoli
prudenza o veli
potrei diventare qualsiasi cosa
ora, notturna e diurna
vibrante e imperfetta, ma viva
pur così dimezzata…
Mutarmi in una metamorfosi folle
in falco, spezzare l’aria di cristallo senza ferirmi
e chiederti scusa, chiedere scusa al mondo
perché spesso io lo dimentico…

Potrei volando, entrare dagli occhi
insediarmi nel cane del vicino che danza
in circolo, cantando solitudini da tenore
ritrovarmi con un brivido di meravigliosa paura
in piccola carne di topo
o in affamato scarafaggio ripugnante

trasformarmi con una blasfema transustanziazione
in pane, sfamare la mia e altrui fame
ridere fino a sentirne l’eco sui muri insormontabili
qui intorno
sfidare me stessa e gettandomi, acqua sul fuoco
ritrovarmi in un uomo
nell ’uomo smemorato, indifferente
e solo…
e poi riuscire a cambiarlo.
12/10/2015

https://rosannagazzaniga.blogspot.it/2017/10/esalazioni-dimezzate-fantasia.html#linkshttp://www.scrivere.info/poesia.php?poesia=396454

Intervista all’io

ansia

Di che colore è la tua ansia?
– Grigia, è solo ombra.
Quando arriva?
– È mattiniera, all’alba con un miagolio
Confuso con quello del mio gatto.
Arriva da sola?
– qualche volta con l’amore
qualche altra con la paura.
Resta a lungo?
– Il tempo di sferzarmi il cuore.
Perché non ti lascia in pace?
– Ho l’abitudine al ricordo.
Cosa le offri, da buona ospite?
– Tutto ciò che amo di più, e una preghiera…
Nessuno sa dove vanno a nascondersi le tenebre e i ricordi
Nessuno sa come nascono i colori.

http://www.scrivere.info/poesia.php?poesia=333515&t=Intervista+all+io

Estemporanea

9dfbf82f09b71a0dac4b457e0e7b2cc2

Una sfera riempie il palmo
lo incurva e invita a un lancio
un battito ritmato, sonoro
che non sa staccarsi
da congruenze e chiodi.
Chi bussa?
Chi aprirà?
Intanto l’ombra si allunga
su chiusure
afferra inganni di libertà
e ricordi.

Lei ha sognato
agli angoli della primavera
cantando inverni…
http://rosannagazzaniga.scrivere.info/index.php?poesia=421219&t=Estemporanea