L’antica

Il ritratto odora di muffa

lo sfondo è cupo

ma lei,  l’antica, ha un’aureola

e un dito che regge la guancia

riconoscimento dell’elite

delle finte rassegnate.

Lo sguardo ironico

sconfessa vecchie fragilità

solitudini, forse l’ amore vero

quell’ uno su tutti

che  l’ha resa deserta.

Io ravviso una somiglianza.

Forse il  lieve sorriso

il nascosto muoversi della lingua

quel suo incessante

sibilo di prigioniera

in ruoli troppo definiti…

Respiro tempo

20180130_103938
Fotografia: gelsomino invernale 2018

 
Avvicino dita ad antenne sensibili
respiro il tempo.
Qualcun altro ha vissuto la mia vita
ascoltato la musica a me predestinata
curato le mie rose.

Al buio, tra le mani
qualcosa vola e resta aderente
farfalle, ricordi
lucciole…
ma nulla in realtà è mio
tutto è in comodato d’uso
in questo mio essere donna
forte, amata e odiata
avvolta in cangianti sfumature
tra finzioni e realtà.