Mostri

 

inkedmostri scrivere_li

Nell’immaginario umano il mostro assume le sembianze dell’imperfezione; guardarla provoca un brivido, sconcerto, spesso paura. Ne sono ben consapevoli gli adulti che la usano come spauracchio per quietare bimbi troppo irrequieti. Certe mostruose creature ci riportano col pensiero all’informe caos della creazione, alle prime aggregazioni di cellule, creature strane, unite dal puro bisogno di sopravvivenza.
La mancanza di perfezione, la diversità ci fa orrore, al contrario la bellezza ci ispira sentimenti buoni.
Ma in ogni uomo ogni pensiero buono è affiancato da un altro meno etico. Contrapposizione, equilibrio inspiegabile tra bene e male, imperfezione e bellezza che convivono in ognuno.

Allora i veri mostri chi sono? Qualcuno dice che il vero mostro è il cuore…

Il comportamento mostruoso, è pulsione istintiva che negli umani si ritrova in comportamenti aberranti, che non esistono di pari passo con l’aspetto. Spesso i serial killer hanno un aspetto normale se non bello, gradevole ed è questo quello che sconvolge ogni sicurezza e ci rende fragili, e dubbiosi sulla normalità, sulla superiorità dell’uomo nel creato.
Le scoperte e applicazioni della scienza, la libertà dei costumi e la conseguente indifferenza a uccidere, mutilare, sfregiare ogni cosa, natura compresa produrranno variazioni anche nel corpo?
Quanto incide la rottura tra etica e morale? L’umanità è destinata a regredire? Interrogativi che troveranno risposta nel ciclo della vita…
28.1.2013 rg