Profezie dal G30 e N.W.O.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20160403_154420_2.jpg

Immagine aprile 2016 Germogli

Siamo nell’epoca delle multinazionali in cui le piccole aziende in crisi saranno assorbite dalle grandi, almeno questo sembra l’intento del  Reviving and restructuring the corporate sector post- covid 2020 – DESIGNING PUBLIC POLICY il documento stilato dal GRUPPO G30 nato nel 1978 dalla fondazione ROCKFELLER e  composto da nomi dell’alta finanza, economici, ed accademici, da banche e multinazionali. Gruppo del quale  Mario Draghi è un componente.

https://www.treccani.it/enciclopedia/gruppo-dei-trenta_%28Dizionario-di-Economia-e-Finanza%29/

https://group30.org/images/uploads/publications/G30_Reviving_and_Restructuring_the_Corporate_Sector_Post-Covid.pdf

Il documento è destinato ai governi per guidare la ripresa post covid. Tra l’altro suggerisce di evitare aiuti alle imprese destinate a fallire, denominate  imprese zombie. Un rimedio indolore a quanto sembra visto che consiglia di far assorbire le unità operative dalle imprese più grandi e solide. Il prestito mirato solo alle imprese sostenibili è certamente  valido e pragmatico,  ma penalizzante per la creatività. Sarà dunque la fine dell’artigianato e delle piccole imprese?

Quanto influisce questa indicazione sulla decisione di chiusura delle imprese, come sta già avvenendo?

Il N.W.O.  (Nuovo ordine mondiale) è davvero solo una teoria complottista? Comunque della sua esistenza  ne parlò nel discorso di Natale 2005,  Papa Ratzinger. Un discorso in cui prevedeva grossi cambiamenti nel mondo, dovuti sia al clima, al terrorismo, sia a nuove pandemie! Nel video dal minuto 7,44.

https://www.youtube.com/watch?v=9mTbdPTAuUs

I problemi del nostro tempo sono la sovrappopolazione, la distribuzione della ricchezza, il clima, le pandemie…Riflettendo mi sembra adeguato il detto prendere due piccioni con una fava.

Pensionati e malati sono una voce pesante nel bilancio. La pandemia risolve con i morti -in gran parte vecchi e malati-  sia il problema della sovrappopolazione che quello economico del deficit degli stati.  Inoltre il  lockdown risolve problemi di clima e di imprese destinate a fallire. Gli studi del G30 sono datati da tempo, e dobbiamo riconoscere che furono fatti in veggenza, visto ciò che sta accadendo!

Proprio come  gli studi sulla modifica sul  DNA che  proseguono in modo ininterrotto dalla sua scoperta. Dall’anno 1919 e seguenti., con strani virus (fuggiti?) a passeggio nel mondo.

https://www.avvenire.it/attualita/pagine/cina-choc-ecco-i-primi-bambini-con-il-dna-modificato

Qualcosa mi dice che la lungimiranza non fa parte di chi vive tranquillo un certo benessere. La nascita del Nazismo vale a dire, la selezione dell’uomo forte, puro e potente, è iniziata nella cecità generale ma limitata all’Europa.  E il Nuovo Ordine Mondiale?

E se la smettessimo di creare mostri?

 Istantanea 1 (31-03-2020 17-12) (4)

Noi non siamo Dio, siamo solo dei derivati.

Si è gridato allo scandalo per l’allarme provocato dalla circolazione del video prodotto nella trasmissione LEONARDO del TG3 16/11/2015.
Qui di seguito al minuto 04,58 potete vedere la parte relativa alla sperimentazione:

https://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5e3275ba-475c-4cf4-b402-1e27dc47565b.html#p=39

Si era insinuato che il virus SARS-CoV-2 o CORONAVIRUS che ci sta colpendo sia il medesimo della sperimentazione. Abbastanza improbabile visto che i virus mutano per loro natura.

La comunità scientifica ha però tranquillizzato tutti, citando anche la prestigiosa rivista Nature e lo studio sistematico delle sequenze genetiche di Sars-CoV-2 (Andersen KG et al. Nature Medicine 2020) che dimostra senza ombra di dubbio che il virus ha una origine naturale e zoonotica (da animali, ed in particolare pipistrelli e pangolini), per cui la storia del virus “creato” in laboratorio –a loro dire- si conferma una bufala colossale.

Però nessuno può manipolando i virus, garantire l’assoluta sicurezza da una fuga!
E per correttezza quando si citano studi mi sembra sia opportuno citarne ogni punto. Di seguito il link della rivista.

https://www.nature.com/articles/s41591-020-0820-9
Nella rivista, tra l’altro, vengono elencate le teorie delle origini SARS-CoV-2
1. Selezione naturale in un ospite animale prima del trasferimento zoonotico
2. Selezione naturale nell’uomo a seguito di trasferimento zoonotico
3. Selezione durante il passaggio

Al punto 3.Selezione durante il passaggio, è descritto: …ci sono casi documentati di fughe di laboratorio di SARS-CoV 28 . Dobbiamo quindi esaminare la possibilità di un rilascio involontario di laboratorio di SARS-CoV-2.

“3. Selection during passage
Basic research involving passage of bat SARS-CoV-like coronaviruses in cell culture and/or animal models has been ongoing for many years in biosafety level 2 laboratories across the world(27), and there are documented instances of laboratory escapes of SARS-CoV(28). We must therefore examine the possibility of an inadvertent laboratory release of SARS-CoV-2.”

Quindi Lo studio sul SARS-CoV-2 (Andersen KG et al. Nature Medicine 2020) Mentre tende ad escludere una mutazione in vitro, rivela la possibilità di una fuga dai laboratori per errori di sicurezza.

A mio parere è bene non seminare panico, ma è ancora meglio essere obiettivi al fine di poter valutare le misure da prendere per evitare il ripetersi di queste calamità…

MASCHERINE inutili?

Da qualche giorno in TV ci riempiono di rassicurazioni per il contagio coronavirus  Covid19 : le mascherine non servono a proteggere contro nessun virus…FALSO?

I virus e i batteri, hanno bisogno di un veicolo per essere trasportati e infettare: goccioline di saliva, polvere oppure di contatto diretto.

Chi può sapere se in un ambiente chiuso come un supermercato ad esempio, qualcuno ammalato e senza protezione ha tossito o starnutito? L’aria a riciclo chiuso è sicura?

E se la mascherina vale come rimedio per chi evita di infettare gli altri indossandola, come mai non dovrebbe valere per chi non vuole ammalarsi?

I punti 2, 3 e 7 dei 10 messaggi dell’Istituto Superiore Sanità recitano: Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; 3.Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani; 4.Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci;7.Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate
Ma se qualcuno a mezzo metro da me starnutisce, la mascherina non mi protegge?
E come mai i medici di base e ospedalieri la usano? Saranno malati anche loro?
Intere popolazioni Giappone, Cina, comprano, usano cose inutili, secondo questi illuminati giornalisti…Forse saranno inutili per lo smog, o lo scarico delle auto, non per batteri o virus.

Invece di rassicurare per paura di “allarmare?”  nei programmi TV, dovrebbero dire come si potrebbe rimediare alla scomparsa di questo utile presidio…

Sono convinta che tra le misure da adottare per evitare decessi, visto che non esiste ancora un vaccino COVID19, forse sarebbe utile da parte delle istituzioni, rendere agevole l’acquisto di detto presidio sia agli anziani che ai soggetti defedati, essendo la parte fragile di questo problema… le mascherine sono scomparse, e come rimedio si cerca di convincere che sia un presidio inutile! Forse la scomparsa serve a qualcuno per speculare sul prezzo?… vedremo se saranno attivati controlli!

Sulle casalinghe, ragionieri, dattilografi e negri ubriachi…

1517996089_vauro
Immagine di Vauro

Su un sito, in un blog  di cui non faccio il nome, leggo l’invito a leggere, capire e non giudicare riferito a casalinghe, ragionieri e dattilografi.

Testualmente:

“I ragionieri non se ne abbiano a male, e neppure le casalinghe o i dattilografi, ma quando il rumore che odono tutto il giorno è quello dei locali in cui si sono chiusi (locali mentali prima che fisici), e le pene provate sono quelle lette e viste sui telegiornali, distesi sul divano, tra una partita di coppa uefa e l’altra, mentre i bambini e la moglie o il marito, ruzzano intorno, i ragionieri, le casalinghe, i dattilografi non se ne abbiano a male se li invito a non scrivere e a non giudicare coloro che seriamente scrivono, perché se leggono non capiscono, e se giudicano esprimono sentenze che nulla hanno a che vedere con ciò che hanno inteso criticare.

Poi nel contesto di una potente poesia, leggo sempre dello stesso autore:
“Celebro la tua morte Dio, come un negro ubriaco…”

A questo punto mi chiedo, vista  l’abitudine del sensibile poeta a delimitare categorie umane: il senso del  verso poetico, è razzismo o discriminazione?

Potrei pensare che si tratti di una svista  o di un rafforzamento dell’immagine poetica, ma perché  definire ” un negro ubriaco” come immagine di altissimo degrado? Forse l’uomo chiaro di pelle non si ubriaca? A mio parere bastava  COME UN UOMO UBRIACO e la frase era già comprensiva di disprezzo, senza essere intollerante razzismo.

Quanto all’invito alle casalinghe ecc. sarà discriminazione o solo ignorante supponenza?

Ebbene, considerato l’invito a leggere, capire, e giudicare e pur non rientrando nelle categorie di cui sopra, mi limito a riportare testualmente la definizione di Wikipedia(*)

“La discriminazione: (*)consiste nel trattamento, nella considerazione e/o nella distinzione non paritari attuati nei confronti di un individuo sulla base di un particolare gruppo sociale, classe sociale o categoria in cui la persona viene percepita come appartenente, anziché basandosi sui suoi singoli attributi.”

Mentre il Razzista è chi individua nei differenti tratti somatici, comportamentali, e di evoluzione sociale, una declamata inferiorità intellettuale, per cui arbitrariamente si sente autorizzato a ridurre in schiavitù la persona, come fosse un animale.

E non è giustificabile nemmeno questo, perché anche gli animali hanno sentimenti e capacità di ragionamento; seppur inferiori, soffrono, gioiscono, si ammalano di solitudine come noi.

Proprio come le casalinghe, i ragionieri, e i dattilografi…

*

Blog in pausa dal 15 febbraio 2020